0046IMG_9544.jpg

The Chef is present

Ispirato ad una delle più famose performance di Marina Abramović del 2010 al MoMA di New York "The artist is present", nasce il nostro nuovo modo di creare arte in cucina.

Performare significa semplicemente compiere, eseguire, dare forma.

Questo è esattamente ciò che faremo, insieme, nel tempo che trascorreremo one-to-one dedicandoci alla scoperta e lavorazione di nuovi ingredienti, alla ritualità dei gesti, al dialogo arricchente e all'autenticità dell'esperienza.

Hic et nunc. Qui ed ora. Non vorrai essere in nessun altro luogo.

Chiunque lo voglia, può essere Chef.

La cucina vegetale, per me, è una forma d'arte.

L'arte, per essere tale, deve essere disturbante. Deve smuovere le coscienze, deve accendere riflessioni, deve avere un potere trasformativo. 

In tal senso, se ci pensate, anche la cucina vegetale lo è: tantissime persone la vedono ancora come una sfida alla tradizione, come qualcosa di poco valore, di sciapo e senza alcuna meraviglia.

Credo non ci sia niente di più sbagliato.

Soprattutto ora, che il nostro Pianeta - ma anche il nostro corpo - ci stanno chiedendo a gran voce di spostarci verso questo genere di consapevolezza alimentare, dobbiamo sforzarci di trascendere l'idea di tradizione per come la vediamo ora e crearne di nuove, che non comprendano più la sofferenza animale.

Questo è il motivo per cui ho deciso di realizzare "The Chef is present": sento che è solo attraverso l'esperienza diretta, un'esperienza che se protratta a lungo può diventare la vita vera, è davvero possibile un cambiamento.

In questi corsi performativi - in cui diventeremo co-creatori di nuovi sapori, profumi, forme ma anche emozioni - la mia attenzione sarà completamente rivolta a te, ti accompagnerò passo dopo passo nella realizzazione di nuovi piatti che non sono semplici ricette, ma il seme di una consapevolezza in cucina molto più profondo.

Il mio tempo sarà anche il tuo tempo.

Ed è la cosa più preziosa che possiamo mettere a disposizione del Pianeta, e degli animali.